Le Sorelle Bandiera il 29 agosto a Spoleto

Turisti e passanti di piazza Duomo a Spoleto per diversi minuti sono rimasti interdetti convinti di avere le visioni, magari per il troppo caldo.
"é impossibile siano veramente loro! Saranno dei sosia. Lo vedi che sono gli stessi di 20 anni fa, non sono invecchiati."
Oppure:
"Ma non si erano sciolti? Non erano morti o emigrati in Australia? Sarà uno scherzo."
Eppure il look , i modi, i volti confermavano la prima impressione: sembravano fossero proprio le Sorelle Bandiera al secolo Neil Hansen, Mauro Bronchi e Tito Le Duc, che nel 1977, lanciate da Renzo Arbore a "L'altra domenica", divennero di colpo un trio cult con la canzone più famosa "Fatti più in là".
i possibilisti azzardavano:
"Forse sono venuti in vacanza in Italia a trovare Bronchi, che abita qui a Spoleto."
Ipotesi possibile se solo non girassero per la città con una divisa da hostess frivolmente rivisitata: cappellino a tamburello con velo da odalisca, giacca scura e gonna di paillettes, una rossa, una verde e l'altra bianca.
Improbabile che fossero in visita privata a Bronchi così addobbatti. Ci doveva essere sotto ben altro. e infatti c'era, come è stato poi ampiamente spiegato nel corso di una conferenza stampa show all'interno del bar Tric Trac (che per l'occasione ha lanciato il cocktail "Flag Sister") al termine di un set fotografico estenuante, fortemente imposto dalle richieste di decine e decine di famigliole, vecchietti, ragazzi e bambini decisi a tutti i costi ad essere immortalati con loro tre.
Perché sì, erano proprio le mitiche Sorelle en travesti, tornate in Italia per presentare il nuovissimo spettacolo, "Volare", che ha ha già debuttato con successo in Australia.
Dietro gli scintillanti abiti muliebri, le ciglia finte e la bocca rosso fuoco, i tacchi a spillo, le calze a rete nere, le unghie laccate, gli occhiali colorati, le chiome a colori squillanti si nasconde l'estro e la genialità di tre fantasisti : l'australiano Neil Hansen (capelli fiammanti), lo spoletino Mauro Bronchi (la brunetta) e Ronnie van den Bergh (la bionda platinata) che ha preso il posto del messicano Tito Le Duc morto nel 1988.
Una volta tolto l'abito da scena di "Volare", uno dei trenta vestiti realizzati personalmente da Mauro, così come ha sempre fatto in passato, e rientrati nei più familiari pantaloni Neil, Mauro e Ronnie hanno raccontato ai giornalisti perché mai hanno deciso di ricomporre il mitico trio, a 20 anni dallo scioglimento,di presentare in Italia il nuovo spettacolo e perché proprio a Spoleto.
"Perché in pratica le Sorelle Bandiera sono nate a Spoleto, qui ci siamo conosciuti, io e Mauro, nel 1960 "
racconta Neil
"mentre io e Tito ci eravamo incontrati a Roma.
Qui è nata l'idea di travestirci da sciantose. Dopo la morte di Tito ognuno ha preso la sua strada però ci siamo tenuti in contatto e due anni fa ci siamo rincontrati per realizzare un documentario su di noi, dal titolo "
Le favolose sorelle Bandiera
", prodotto dalla tv australiana Sbs e dalla Fox Italia, un documentario che in Australia ha avuto molto successo."
Il nuovo show è nato quasi per caso, quando un'associazione gli ha chiesto di rievocare i pezzi più celebri.
Invece di incollare insieme degli sketch divisi hanno messo in piedi un vero e proprio spettacolo. "Volare" (Flyn' Hight) prende a pretesto la storia di un volo pazzo della Air Flag. Gli spettatori sono i passeggeri, nel golgo mistico c'è la cabina di pilotaggio con il comandante Graziano Sirci, straordinario attore-mimo-fantasista, e sul palcoscenico le tre hostess Bandiera, sia pure barzotte ma richiamate in servizio per via della crisi economica della compagnia di bandiera, hostess che fanno di tutto e di più (anche ballare sulle punte con il tutu) per intrattenere al meglio gli ospiti dell'aereo.
"Volare" andrà in scena sabato 29 agosto al Teatro Nuovo di Spoleto. Il 4 settembre sarà replicato a Siracusa e poi si trasferirà a Roma. Nel 2010 verrà presentato in quasi tutti i festival australiani. Ingresso 20 euro. Per le prenotazioni chiamare i numeri 0743-222747 oppure 338- 8562727

Anna Lia Sabelli Fioretti
Corriere dell'Umbria Lunedì 24 Agosto 2009




0 commenti

Posta un commento

Cerca notizie e informazioni su Spoleto e l'Umbria

Cerca per argomento

Cerca per mese di pubblicazione

News dalla Provincia di Perugia