Più di mille euro al giorno (festivi esclusi) per pagare i professionisti esterni cui affidare la progettazione di opere pubbliche: è di oltre 330mila euro (332.412 per la precisione) la somma annua prevista dall'amministrazione comunale alla voce
"incarichi di progettazione delle opere pubbliche."
Prosegue il viaggio alla scoperta di quanto spende l'ente per collaboratori e professionalità esterne e non mancano le sorprese alle voci relative a lavori pubblici e urbanistica. Scandagliando i dati del bilancio di previsione si scopre, ad esempio, che alla spesa di progettazione sono direttamente collegate una lunga serie di altre consulenze, molte delle quali affidate all'esterno. Dai 20mila euro previsti per le indagini geologiche legate alle progettazioni stesse, agli altrettanti 20mila euro per le indagini archeologiche; stessa somma (20mila euro) per incarichi relativi alle analisi delle terre da scavo, sempre connesse alla realizzazione di progettazioni e tutti validi per un anno. Costa invece 2mila euro, e dira 15 gioni, l'incarico di consulenza previsto per la redazione di documentazione del bando del ministero dell'ambiente per il miglioramento della qualità. Trentamila euro in un anno, invece, costeranno ai contribuenti gli incarichi di consulenza per la variante del Piano regolatore, mentre gli incarichi di consulenza per pareri ai fini idraulici costano 10mila euro annui. Ammonta a 6mila euro, invece, la somma prevista per l'attivazione della formazione del personale (mansione valida un anno), mentre è di diecimila euro l'importo stanziato per gli incarichi dei consulenti del nucleo di valutazione. L'incarico di collaborazione per commissione cave prevede una spesa di 3.500 euro per tre mesi, mentre quello di studio per il monitoraggio geostrutturale della stabilità del costone roccioso con tecniche speleo-alpinistiche (valido un anno) prevede una spesa di 40mila euro. É di 36mila euro, invece, la consulenza prevista per la definizione e l'attuazione del sistema di gestione ambientale nell'ambito del processo di certificazione ambientale. Costeranno, invece, 65 mila euro, e dureranno 3 anni, la collaborazione, gli studi e i progetti di ricerca per il piano energetico comunale. Lo studio per il censimento, la verifica statica e il piano di gestione e riqualificazione del patrimonio arboreo urbano costerà, per un anno, 20mila euro. Non mancano i progetti per altri settori, come quello dedicato all'infanzia: per la conduzione di laboratori per bimbi e famiglie è prevista una somma di 2.600 euro (novembre 2009- maggio 2010).
Il Messaggero Mercoledì 28 Aprile 2010




0 commenti

Posta un commento

Cerca notizie e informazioni su Spoleto e l'Umbria

Cerca per argomento

Cerca per mese di pubblicazione

News dalla Provincia di Perugia