Turisti sì ma pochi negli alberghi

Tanti turisti in città ma alberghi praticamente vuoti. Anche se questo è solo un primo bilancio del lungo ponte del primo maggio, il trend delle presenze turistiche a Spoleto è stato pressappoco la stesso che ha caratterizzato il recente periodo di Pasqua e quello del 25 aprile.
Ovvero, musei e piazze dove le presenze di turisti non sono certo mancate, grazie anche l'ingresso ad alcuni musei, come quello del Ducato della Rocca Albornoziana e quello Archeologico, al simbolico prezzo di un euro, e strutture ricettive con una diminuzione di prenotazioni di circa il 50 per cento rispetto allo scorso anno.
E ciò, per quando riguarda quest'ultimo aspetto, nonostante molti albergatori spoletini abbiano proposto sconti sul prezzo del soggiorno.
"L'impressione che si è avuta andando in giro per la città è stata quella che a Spoleto ci fossero visistatori - afferma il presidente della Conspoleto, Filippo Tomassoni - ma di questi sono stati pochi coloro che si sono fermati.
E ciò è testimoniato dal fatto che negli alberghi cittadini, come è accaduto nelle recenti festività, hanno soggiornato davvero in pochi.
Visto, però, che questo è un trend simile in tutta l'Umbria, credo che ciò sia dovuto sì a diversi fattori ma soprattutto alla crisi economica che sta interessando molte famiglie italiane e non solo."
Una crisi che a quanto pare non è stata percepita in maniera così "violenta" dai musei o comunque dai siti storici della città, visitati anche in questo primo scorcio del ponte del primo maggio da un consistente numero di turisti
Ro.Sol.
Corriere dell'Umbria Domenica 3 Maggio 2009




0 commenti

Posta un commento

Cerca notizie e informazioni su Spoleto e l'Umbria

Cerca per argomento

Cerca per mese di pubblicazione

News dalla Provincia di Perugia